E’ racchiusa nelle parole dei responsabili casertani del Pd la soddisfazione del Partito per l’intervento del Governo Renzi che ha stanziato quaranta milioni di euro per l’edilizia scolastica a Caserta e provincia.

“Il provvedimento “Scuole Belle”- dichiara Raffaele Vitale, segretario provinciale del Pd- porta sui territori quella concretezza che il Premier aveva garantito come linea guida del suo esecutivo e partire dall’istruzione- dice- è un segnale importante dell’attenzione alla formazione e al futuro del nostro Paese. Questa è la dimostrazione che l’Italia con il Partito Democratico cambia davvero verso. Siamo soddisfatti e felici per il piano varato dal Governo che destina fondi importanti sia per il miglioramento dell’edilizia scolastica che per la creazione di scuole nuove oltre che per la messa in sicurezza e per il loro ammodernamento”.

“Matteo Renzi lo aveva detto e lo ha fatto: il governo destina 40 milioni per l’edilizia scolastica a Caserta, per scuole nuove, messa in sicurezza delle vecchie e per piccola manutenzione e decoro. Per me che vengo dal mondo della scuola è una gioia enorme: so cosa significa trascorrere la giornata in edifici fatiscenti e soprattutto non a norma”. Questa la posizione dell’on.le Camilla Sgambato, deputata del Pd Caserta, che aggiunge: “E’ un primo, importante, significativo passo. Certamente la scuola ha bisogno di ulteriori risorse per la didattica, per le attività pomeridiane, per la gratificazione dei docenti, ma questi finanziamenti per l’edilizia scolastica danno speranza agli operatori, agli studenti ed alle loro famiglie, confermando l’attenzione che questo governo sta ponendo per la cultura e truzione. Le amministrazioni locali con questi fondi potranno, così, assolvere al compito di rendere sicure, agibili e perché no, belle, le scuole dove i nostri figli stanno disegnando il loro futuro”.

Per Pina Picierno, europarlamentare del Pd, Matteo Renzi aveva promesso il suo impegno per la scuola nel suo discorso di insediamento alle camera e l’ha mantenuto.
“Con il piano sicurezza scuola voluto si investe finalmente sul futuro di questo paese. Preoccuparsi delle nuove generazioni significa delle garantire loro migliori opportunità di formazione. Vuol dire far si che l’ascensore sociale, sempre più bloccato dalla crisi economica si rimetta in moto e riporti equitá in un paese dove il divario tra ricchi e poveri si misura partendo anche dai luoghi in cui ti sei formato. Un provvedimento importante che coinvolge comuni e regioni e che dará finalmente ossigeno alle nostre imprese da troppo tempo punite anche a causa del patto di stabilitá. Adesso si vuole recuperare il tempo perduto e questi fondi sono un ottimo punto di partenza per innalzare finalmente gli standard qualitativi dei nostri edifici.
I fondi destinati a Caserta serviranno a rimuovere l’amianto che preoccupa i genitori che affidano i propri figli in queste strutture per ore. E poi si potrá mettere mano all’abbattimento delle barriere architettoniche. La scuola deve essere accessibile a tutti. Anche fisicamente”.

 

0 Commenti

Puoi essere tu il primo a lasciare un commento.

Lascia un Commento

 




 

*